2099

Home Cinema The Ward – Il Reparto, il grande ritorno di John Carpenter
10
Mar

The Ward – Il Reparto, il grande ritorno di John Carpenter

Il 1 aprile uscirà nelle sale il nuovo film di John Carpenter “The Ward – Il Reparto”, con Amber Heard, Mamie Gummer, Danielle Panabaker, Lyndsy Fonseca, Jared Harris, Mika Boorem e Laura-Leigh.

THE WARD, un thriller psicologico ambientato negli anni '60 che ha come protagonista una giovane donna rinchiusa in un misterioso ospedale psichiatrico, è il primo lungometraggio che il maestro icona del genere horror John Carpenter realizza in sette anni.

Kristen (Amber Heard), una giovane donna bella e disturbata, si ritrova coperta di lividi e di tagli, imbottita di sedativi e rinchiusa contro la sua volontà in un inaccessibile reparto di un ospedale psichiatrico. È completamente disorientata e non ha idea di quale sia il motivo per cui è finita in quel posto, né alcuna memoria della sua vita prima del ricovero. La sola cosa che sa è che non è al sicuro.

Le altre pazienti del reparto, quattro giovani donne altrettanto disturbate, non sono in grado di fornirle alcuna risposta e ben presto Kristen si rende conto che le cose non sono come sembrano. L'aria è densa di segreti e di notte, quando l'ospedale è buio e sinistro, sente dei suoni strani e terrificanti. A quanto pare non sono sole.

Una ad una, le altre ragazze cominciano a scomparire e Kristen deve trovare il modo di fuggire da quel luogo infernale prima di diventare anch'essa una vittima. Mentre lotta per riuscire a scappare, scopre una verità di gran lunga più pericolosa e sconvolgente di quanto chiunque avrebbe potuto immaginare.

THE WARD è diretto da John Carpenter (Halloween: la notte delle streghe, Fuga da Los Angeles, Starman, Fog, La cosa) su una sceneggiatura di Michael Rasmussen e Shawn Rasmussen. Il cast è composto da Amber Heard (The Joneses, Benvenuti a Zombieland, Strafumati) che interpreta Kristen; Mamie Gummer (Stop-Loss, L'imbroglio) che interpreta Emily; Danielle Panabaker (Venerdì 13, Mr. Brooks, La città verrà distrutta all'alba) che interpreta Sarah; Lyndsy Fonseca (Kick-Ass, Hot Tub Machine) che interpreta Iris; Jared Harris (Mad Men, Il curioso caso di Benjamin Button) che interpreta il dottor Stringer; Laura-Leigh che interpreta Zoey e Mika Boorem (Il patriota) che interpreta Alice.

Il film è stato girato alla fine dell'estate del 2009 all'interno e nei dintorni dell'Ospedale Psichiatrico Eastern Washington State nei pressi di Spokane, nello stato di Washington. Il direttore della fotografia è Yaron Orbach (The Joneses, Please Give) e lo scenografo è Paul Peters (Out of Time, High Crimes – Crimini di stato).

I produttori esecutivi sono Adam Betteridge, David Rogers e Rich Cowan. Il progetto di THE WARD è stato sviluppato e prodotto da Doug Mankoff, Mike Marcus e Andy Spaulding per Echo Lake Entertainment e da Peter Block per A Bigger Boat.


THE WARD è il film che segna il ritorno alla regia cinematografica del maestro dell'horror John Carpenter dopo oltre sette anni.

“Il merito è di Mick Garris, l'ideatore di Masters of Horror”, rivela Carpenter quando gli viene chiesto perché ha scelto di realizzare THE WARD dopo quasi dieci anni di assenza nel cinema. “Gli episodi di quella serie erano progetti a basso budget, con riprese molto veloci, che mi sono piaciuti moltissimo. Così ho pensato di continuare a divertirmi, applicando le stesse regole produttive a un lungometraggio a basso budget: la storia di THE WARD è contenuta e le riprese vere e proprie non sono durate molto a lungo.

“Volevo lavorare a un film che imponesse una certa abilità creativa nel risolvere i problemi relativi al modo di raccontare una storia. THE WARD ha rappresentato una sfida divertente”, afferma Carpenter.

Benché contenga tutti gli elementi classici di un tipico film targato Carpenter, il progetto di THE WARD doveva prospettarsi straordinario fin dall'inizio per persuadere il regista a tornare dietro alla macchina da presa. Scoperta dal team della Echo Lake Entertainment che lo rappresenta, la sceneggiatura si avventurava in un territorio nuovo anche per loro.

“Stavamo cercando qualcosa che ci permettesse di discostarci dall'immagine di produttori di film d'autore da circuito festivaliero per cui eravamo famosi”, ricorda il fondatore di Echo Lake e produttore Doug Mankoff.

“Volevamo ampliare il nostro repertorio per attirare un maggior numero di spettatori”, spiega Mankoff, “così avevamo iniziato a vagliare storie di genere e commedie. Il copione ci ha incuriosito perché è una storia intelligente e spaventosa, molto contenuta e con grandi personaggi. Dalla prospettiva di noi produttori, il primo punto di forza della sceneggiatura era costituito dai personaggi e in seconda battuta dal fatto che fin dalla prima lettura abbiamo intravisto la possibilità di realizzarlo.

“Immaginate di trovarvi rinchiusi in un ospedale psichiatrico, in un momento della vostra vita in cui è possibile che vi internino contro la vostra volontà”, commenta Mankoff, “e di sospettare, o persino di avere la certezza, che le persone attorno a voi vengano uccise. Ma nessun altro al di fuori di voi lo sa semplicemente perché tutti vi credono pazzo. Pensate a quanto deve essere terrificante, a maggior ragione perché sapete che prima o poi anche voi morirete”.

“Quando abbiamo scoperto THE WARD, è stato naturale pensare a John Carpenter come regista ed è stato elettrizzante vedere che la sua reazione al copione è stata entusiastica quanto la nostra”, aggiunge il produttore di Echo Lake, Andy Spaulding.

“THE WARD si iscrive perfettamente nella filmografia di John Carpenter, una storia a metà tra un thriller denso di suspense e un horror”, aggiunge Mike Marcus di Echo Lake, altro produttore del film nonché manager di Carpenter.

“È un progetto che ha reso divertente il lavoro”, concorda Carpenter. “In un copione cerco soprattutto una storia. Se mentre lo leggo riesco a visualizzare il film e a rendermi conto di come sono delineati i personaggi e di quanto sia acuto lo sceneggiatore, allora mi interessa. Per me dipende sempre tutto dalla possibilità di visualizzarlo. Ho avuto una formazione molto intensa: ho frequentato una scuola di cinema, ho imparato le varie fasi della lavorazione e so come fare funzionare la macchina di un film. Non mi lascio mai influenzare da altri fattori nelle mie scelte: faccio tutto per me, per il film che ho in testa e che cerco di realizzare”.

Un'altra persona che successivamente è entrata a far parte del progetto, è uno dei più ferventi ammiratori di Carpenter da moltissimi anni. Il produttore Peter Block, meglio conosciuto per la sua collaborazione con Lionsgate (che comprende la serie di film campione d'incassi Saw, come pure High Tension, Undead, Cronos, Braindead e Hard Candy), si è aggiunto alla squadra sotto il vessillo della sua nuova società, A Bigger Boat.

“Sul piano produttivo, volevamo poter disporre di maggiore esperienza nella realizzazione di un film di genere”, dice Mankoff a proposito dell'apporto di Block, “volevamo aggiungere un nome che ci avrebbe aiutato sul mercato internazionale e poter godere di maggiore credibilità nella fase produttiva. Abbiamo contattato Peter Block, che conosciamo e con cui lavoriamo da anni, e lo abbiamo invitato a salire a bordo. Peter ha contribuito al progetto con la sua vastissima esperienza nel film di genere, sia sul piano produttivo, sia a livello di penetrazione del mercato.”.

“Benché io sia da sempre un grandissimo fan di Carpenter”, dichiara Block riguardo alla sua scelta di unirsi alla squadra, “negli ultimi vent'anni della mia carriera fatta di acquisizioni, produzioni e realizzazioni di film horror, l'idea che prima o poi avrei potuto affermare di aver lavorato a un film di John Carpenter era probabilmente al di là delle possibilità della mia percezione. E in quanto fan, il fatto di poter dire che sono nel team di THE WARD di John Carpenter è fantastico.”

“THE WARD è un meraviglioso tassello che si aggiunge alla leggendaria filmografia di John Carpenter”, aggiunge Block. “Se, da un lato, si colloca perfettamente accanto a film come Fog, Halloween: la notte delle streghe e La cosa, dall'altro lancia un'evoluzione filosofica del genere horror”.

Share

blog comments powered by Disqus
 

Seguici su


Facebook