2099

Home Fumetti [recensione] Reboot 8092
31
Mar

[recensione] Reboot 8092

La prima cosa che mi ha colpito fin dalle prime righe di Reboot 8092, storia di un viaggio alla ricerca della vita, e per la vita, declinato sotto forma di personale diario di bordo, è stata la scelta di usare il femminile.

Può sembrare una scelta casuale o semplicemente funzionale. Invece a me ha dato l’idea di qualcosa di volutamente ponderato, un modo per rendere più caldo, familiare, rassicurante un racconto che trasmette, in alcuni passaggi, la fredda solitudine dello spazio infinito, reso così meno alienante da una semplice desinenza.

D’altra parte la forma femminile offre un solido approdo, la sensazione di trovarsi come a casa, protetti da una figura materna. Non per nulla, specie in fantascienza, il termine di nave madre è usato con frequenza per descrivere l’ammiraglia di una flotta, che protegge, con la sua forza e il suo affetto, tutti i suoi componenti.

E femminile è anche la AI che ci racconta i suoi continui risvegli, reboot, durante il suo lungo, lunghissimo viaggio. Una AI dai tratti fortemente umani, legata con ardore e tenacia alla sua missione e alla sua necessità di rimanere in vita. Una AI che prova emozioni, fa congetture, si lascia andare a momenti di rabbia e sconforto o di grande felicità, ma che allo stesso tempo sa essere lucida e razionale. Insomma, semplicemente umana.


E a ogni risveglio un piccolo tassello in più sulla vita della nostra protagonista si aggiunge al racconto delle sue scoperte di nuovi corpi celesti nei quali cercare qualche traccia di quella vita così agognata.


Un viaggio nello spazio che è anche un viaggio in se stessi e nel senso profondo della vita.

Tra descrizioni di mondi sconosciuti, momenti di euforia e pessimismo, riflessioni su un mondo natale ormai lontano e irraggiungibile, dubbi e domande, spesso senza risposta, il racconto prosegue vivo ed entusiasmante, in grado di farvi immedesimare con i contrastanti stati d’animo narrati in prima persona, nello svelarsi dei propositi e nella loro modifica dettata dal lungo viaggio e da un io in costante evoluzione.

Tutto questo fino a un passaggio per certi versi familiare, una sorta di ipotetico ritorno a casa, una nuova casa, prima dell’ultimo, definitivo reboot, il numero 8092 prima dell’ineluttabile oblio.

Se queste poche righe vi hanno incuriosito, vi esorto caldamente alla lettura del romanzo che, tra l'altro, ha appena conquistato un brillante secondo posto al Trofeo Cassiopea 2020 dedicato ai romanzi di fantascienza italiani.

Share

blog comments powered by Disqus
Ultimo aggiornamento Mercoledì 01 Aprile 2020 10:13