2099

Un progetto completamente italiano finanziato al 250% su Kickstarter circa un anno fa, Out of the box è un'antologia a fumetti che contiene cinque storie completamente diverse, collegate dai temi e da una sorta di universo narrativo condiviso.


Nove gli autori coinvolti, alcuni esordienti, altri più noti. Tra i disegnatori: Zeno Colangelo, Giulia D'Urso, Eleonora Dea Nanni, Elisa Di Virgilio e Marta Zaccarini. Tra gli scrittori: Brian Freschi, Giacomo Masi, Matteo Parisi e Francesco Stefanacci. La copertina è di Sara "Sbilemi" Marino. Il libro contiene anche i contributi di Davide "DAW" Berardi, Erika "EKRA" De Giglio, Massimiliano Favazza e la statunitense Jenna "Jennscomics" Noble. La prefazione è firmata niente meno che da Mike Carey.


Il libro è attualmente in stampa e presto sarà un brossurato di 140 pagine a colori, con copertina soft touch e verniciatura in rilievo.


I preordini chiuderanno il 30 giugno, ed è possibile prenotare una copia digitale, fisica, nonché tutto il merchandising "sbloccato" grazie alla campagna Kickstarter, ovvero segnalibri, cartoline e poster esclusivi. Disponibili anche gli ultimissimi slot per commissionare un disegno a uno degli artisti.


Alla chiusura dei preordini Out of the box non sarà disponibile probabilmente prima di ottobre/novembre, si consiglia quindi di procurarselo finché è possibile.


Questo l'indirizzo da seguire: https://outoftheboxcomics.backerkit.com/hosted_preorders

Share
Leggi tutto...  
10
Mar

La scadenza per partecipare al 28esimo Trofeo RiLL per il miglior racconto fantastico è prorogata al 5 aprile 2022.

Il Trofeo RiLL è un concorso letterario organizzato dall’associazione RiLL Riflessi di Luce Lunare, col supporto del festival internazionale Lucca Comics & Games e della casa editrice Acheron Books.
Possono partecipare al Trofeo RiLL racconti fantasy, horror, di fantascienza e ogni storia sia (per trama e/o personaggi) “al di là del reale”.
Ogni autore/autrice può inviare una o più opere, purché inedite, originali e in lingua Italiana.
Da alcuni anni racconti partecipanti sono circa 300 a edizione (nel 2021: 522 racconti), scritti da autori/ autrici residenti in Italia e all’estero.
I racconti possono essere spediti, a discrezione di ciascun partecipante, per posta oppure in via telematica. Per i/le partecipanti residenti all’estero, la spedizione in forma elettronica è obbligatoria.

I dieci racconti finalisti del 28esimo Trofeo RiLL saranno pubblicati (senza alcun costo per i rispettivi autori/autrici) in un e-book della collana “Aspettando Mondi Incantati”, curata da RiLL e in uscita a ottobre 2022. Inoltre, i migliori 4-5 racconti fra quelli finalisti saranno pubblicati (sempre gratis) nell’antologia del concorso (collana “Mondi Incantati”, ed. Acheron Books), che sarà presentata al festival internazionale Lucca Comics & Games (novembre 2022).
Infine, il racconto primo classificato sarà tradotto e pubblicato in Spagna (sull’antologia Visiones, curata da Pórtico - Asociación Española de Fantasía, Ciencia Ficción y Terror) e in Sud Africa (su PROBE, il magazine dell’associazione SFFSA - Science Fiction and Fantasy South Africa).
L’autore/autrice del racconto primo classificato riceverà un premio di 250 euro.

Share
Leggi tutto...  
19
Jan

Dune di Denis Villeneuve è uno splendido film che, nella migliore delle ipotesi, naviga molto vicino alla soglia del non necessario.

Se non vi state, e non mi state, maledicendo per aver iniziato la lettura, permettetemi di  chiarire, molto brevemente, il concetto che vorrei  tentare di esprimere.

Partiamo dalle doverose precisazioni che conoscete già. Questa pellicola non è che la prima parte del racconto e sarà seguita dalla seconda che andrà a completare la storia che Lynch fu costretto, o invitato, a ridurre in un unico film andando a comprimere e semplificare molti passaggi del mastodontico primo volume di Herbert che Villeneuve ha deciso di esplicitare in maniera più completa e fedele.

E’ mia modesta opinione, che tale rimane, che queste due ore e trenta di prima parte, sia pure svolte in maniera pregevole, tra omaggi non banali alla prima pellicola ed evidenti punti di divergenza, non aggiungano nulla a quello che Lynch, gioco forza, andò a snellire.

Tutto scorre molto placidamente, come le acque di Caladan o la sabbia di Arrakis, senza intaccare o lasciare nulla. Tutto è funzionale ma, allo stesso tempo, ai limiti del superfluo. A volte il non detto, il percorso lasciato all’immaginazione, il sottratto racconta molto di più dell’esplicitato.

Share
Leggi tutto...  


Pagina 1 di 403